RECENSIONE: “UNEXPECTED” DI ALLYSON TAYLOR

unexpected-card-reivewles.jpg

TITOLO: UNEXPECTED
AUTORE: ALLYSON TAYLOR
EDITORE: SELF-PUBLISHING
GENERE: ROMANZO
PUBBLICAZIONE: 03 GIUGNO 2019

Trama

A volte bisogna avere coraggio e compiere scelte difficili… E questo è ciò che fa Fanny Reyes quando decide di lasciare Miami e tutte le sue certezze per trasferirsi a Sacramento. Cominciare una nuova vita non è semplice, ma lei ci riesce: vive in un piccolo e vecchio appartamento e lavora in una pasticceria. Tutto sembra perfetto, almeno fino al momento in cui incontra Zach in drammatiche circostanze. Da quel giorno, la vita di Fanny cambia completamente per la seconda volta e l’unica persona che la può aiutare è proprio Zach.

Recensione

Il libro di oggi è Unexpected di Allison Taylor, un libro molto semplice ma allo stesso tempo molto complesso, che parla di scelte difficili.

“Ogni scelta che si compie nella vita può rivelarsi giusta o sbagliata. L’incredibile occasione che ha dato una svolta alla tua esistenza, o il madornale errore che ha portato a una reazione a catena incontrollabile.”

Inizio dicendovi che la partenza della storia è un po’ in sordina, ma questo non fa altro che accentuare l’elemento a sorpresa che l’autrice sceglie per dare inizio alla storia fra i protagonisti e che definirei insolito.

Insolito perché è la prima volta che leggo di un incontro così, inoltre è descritto talmente bene che è impossibile non rimanere sorpresi e non ritrovarsi insieme a Fanny a cercare di sopravvivere all’evento catastrofico in cui si trova coinvolta.

Certo è una fatalità che arrivi proprio l’uomo che aveva incontrato al bowling a salvarla, ma si sa, nei libri tutto può accadere!

Dunque, tornando Fanny e Zach, la loro è una storia in cui all’inizio non c’è niente di esplosivo, anzi è una storia tenera, delicata, di seconde possibilità, talmente bella da conquistare all’istante il cuore di chi la legge.

Indicai la fasciatura e lui mi guardò con un lampo di divertimento negli occhi. Quegli occhi. «Non era mia intenzione spaventarti.» «Smettila di guardarmi in quel modo.» Vedevo che era divertito e, anche se non sapevo perché, la cosa divertiva anche me. Ma di sicuro non glielo avrei fatto notare. «Come?»

Punto di forza sono i protagonisti: Fanny, con la sua vita difficile, col suo carattere forte (almeno all’apparenza), con la sua determinazione a voler fuggire da una vita che le va stretta diventando vittima di un destino crudele. Nella seconda parte Fanny appare un po’ incoerente e immatura e soprattutto lunatica ma, conoscendo il suo vissuto, non è difficile capire che la rabbia non è altro che uno scudo per proteggersi. E chi riesce a capirla fin dal primo sguardo se non Zach? Zach è un uomo con un lato tenero che nasconde maldestramente, che viene mostrato dall’autore senza paura di intaccare la sua immagine di eroe forte e valoroso, è un uomo anche lui provato dal destino che riesce poco a gestire i propri sentimenti, è bello (ovviamente), è generoso e questo si rispecchia anche nel mestiere che fa, infatti è il vigile del fuoco che arriva a salvare la nostra bella in difficoltà. Il suo comportamento altruista risulta un tantino esagerato, ma Zach è talmente empatico nei confronti di Fanny da aver capito la reale situazione in cui la ragazza si trova.

Con la loro storia mi hanno realmente conquistata, anche nei passaggi sensuali che non sono mai eccessivamente dettagliati ma rimangono sempre in un’atmosfera sentimentale soft pur lasciando percepire quella elettricità che si instaura fra due persone agli inizi di una relazione.

“Appoggiò le mani sulle mie cosce e mi accarezzò la pelle con i pollici. Movimenti lenti e circolari, che scatenarono un uragano dentro di me. Il respiro mi si mozzò, il corpo reagiva ad ogni carezza di Zach senza che potessi controllarlo. Ero impotente.”

Invece devo dire che non mi è piaciuto molto il secondo colpo di scena, soprattutto la gestione che l’autrice ha scelto perché rivela lati del carattere dei due protagonisti che mi hanno un po’ infastidito e che stonavano un po’ col quadro dipinto nella prima parte.

Però c’è da dire che Allyson Taylor ha una scrittura molto moderna, non si perde in lunghe digressioni ma i pensieri della protagonista sono sempre presenti e i due personaggi principali sono dotati di una trasparenza che quasi spaventa e che permette di capire senza ombra di dubbio cosa vogliono e cosa provano.

“Poi, una sera, mi aveva invitato a cena fuori e, prima di entrare nel ristorante in cui aveva prenotato un tavolo, mi aveva attirato a sé e mi aveva dato un bacio da togliere il fiato. Era passione, amore, frustrazione, tristezza. Era tutto quello che avevamo provato in quei mesi e tutto ciò di cui avevamo bisogno.”

Quello che mi ha stupito è stato rendermi conto che è un romanzo di un’autrice nostrana mentre ho avuto l’impressione per tutto il tempo di leggere un romanzo di un’autrice americana, sia per la bravura con la quale l’autrice ha saputo localizzare geograficamente la storia, sia per il modo in cui viene raccontata.

Decisamente questo romanzo è stato, come il titolo suggerisce, unexpected, perché pensi di leggere una storia romantica ma trovi anche una storia di lotta e di rinascita che non può passare inosservata.

VOTO:

4emezzo

SENSUALITA’:

2

VOTO ZACH:

corona4

VOTO FANNY:

4

RECENSIONE A CURA DI:

Queen2

EDITING A CURA DI:

Candy2