RECENSIONE: “NUMBER 8” DI ALESSIA D’AMBROSIO (SERIE AFTER MATCH #1)

number-8-card-reviewles.jpg

TITOLO: NUMBER 8

AUTORE: ALESSIA D’AMBROSIO

SERIE: AFTER MATCH #1

EDITORE: SELF PUBLISHING

GENERE: SPORT ROMANCE

PUBBLICAZIONE: 12 GIUGNO 2019

Trama

Nel rugby, ogni giocatore ha un numero che definisce il proprio ruolo. Tranne l’otto, lui è semplicemente il Numero 8. Questa è la mia fede, la mia sola religione. Amo il rugby più della mia stessa vita e ho sete di vittoria e di riscatto.

Ho solo un piccolo problema: Lei, con i suoi due occhi azzurri e il sorriso più ingenuo mai visto sulla faccia della terra. In un secondo ha preso le mie convinzioni, le mie certezze e tutta la mia determinazione, poi, sotto il mio sguardo impotente, gli ha dato fuoco. Mi ripeto spesso che devo darmi una scrollata e andare avanti ma lei, Lucy Collins, mi conquista e mi trascina fuori rotta.

Il mio nome è Daniel Wilson, sono il Numero 8 dei Saracens e non ho alcuna intenzione di farmi schiacciare da una ragazzina.

Recensione

Bentornate Dreamers!

A distanza di mesi dalla sua pubblicazione ho letto Number 8, uno sport romance scritto da Alessia D’Ambrosio che dà il via a una nuova serie, l’After Match.

Non me ne capacito. Non riesco a capire come abbia potuto farmi scappare fino ad adesso una lettura del genere. Insomma, solitamente ho un vero e proprio radar per quelle letture che potrebbero rientrare tra i miei gusti, ma questa volta ho rischiato di non leggere una di quelle storie che è senza dubbio una delle migliori che mi ha fatto compagnia quest’anno.

Ha tutti gli ingredienti giusti che secondo me una storia d’’amore deve avere.

È una serie che segue le vicende di tre fratelli, nonché compagni di squadra, quindi anche se si ha un leggero filo conduttore, sono dei volumi autoconclusivi.

Parla di sport, rugby per la precisione, tra i temi che più mi piacciono in un romance.

Altro elemento determinante per me, e chi mi conosce lo sa, abbiamo una differenza d’età tra i nostri due protagonisti, che rende tutto molto più interessante e apre mille scenari e non poche problematiche.

Ma soprattutto, l’autrice, di cui (e ad oggi dico purtroppo) non ho mai letto nulla sinora, possiede lo stile di scrittura che più mi è congeniale. Semplice, diretto, senza troppi fronzoli o parti dispersive. È riuscita in pochissimi capitoli a conquistare tutta la mia attenzione (le mie occhiaie ne sono la prova) e mi ha guidato per tutta la storia senza concedermi un attimo di fiato, senza riuscire a staccarmi da questi meravigliosi personaggi se non alla fine.

Ma andiamo un po’ nello specifico.

Questa è la storia di Daniel, il maggiore dei fratelli Wilson, un uomo di trentaquattro anni con un unico obiettivo: eccellere nel rugby, sport che da sempre rappresenta la sua intera esistenza, e avere così la possibilità di venire convocato nella nazionale inglese. Le sue giornate sono ordinarie, sempre la stessa routine; casa, famiglia, allenamenti. Nessuna distrazione, nessun divertimento per lui, nonostante l’insistenza dei fratelli gemelli. Niente e nessuno deve e può distrarlo dal suo obiettivo.

Questo fin quando non entra in scena Lucy.

Lucy è una giovane ragazza di ventidue anni alla quale basta una semplice occhiata per sconvolgere l’intero mondo di Daniel che, improvvisamente, si ritrova in una lotta continua tra mente e cuore.

Lucy è troppo piccola, ci sono dodici anni di esperienze diverse a dividerli, ma soprattutto a ostacolare una loro relazione è la certezza che sarebbe una distrazione troppo grande, un qualcosa che potrebbe vanificare tutto gli sforzi compiuti sinora.

È stato bellissimo leggere di quest’uomo così sicuro e determinato in campo, che viene messo in difficoltà per la prima volta da una ragazza e dalle nuove sensazioni che risveglia in lui.

Tra di loro è un continuo tira e molla. Ci sono momenti in cui Daniel torna a essere se stesso, o quantomeno ci prova, facendo così vincere la sua parte razionale, altri in cui la passione e la gelosia sono incontrollabili, persino per lui così abituato alla disciplina.

Ho amato follemente entrambi i personaggi. Se da una parte è stato emozionante vedere quest’uomo che per la prima volta s’innamora e assistere alla sua trasformazione, dall’altra ho adorato Lucy, una giovane donna che nella vita ne ha passate tante ma che non esita di fronte a una loro possibile relazione, nonostante i problemi che potrebbe comportare.

A far da spalla troviamo personaggi secondari altrettanto ben caratterizzati e interessanti, che vi assicuro ruberanno il vostro cuore.

Abbiamo i fratelli (di cui spero presto leggeremo) e la sorella di Daniel sempre presenti, preoccupati per l’improvvisa e inaspettata trasformazione che il loro fratellone, colui che è sempre stato la loro roccia e la voce della ragione, sta affrontando.

Ma abbiamo soprattutto un’adorabile, quanto svitata vecchietta, nonché nonna di Lucy che, nel suo modo un po’ particolare, riesce in qualche modo a far da cupido tra i due giovani.

Due giovani che prima di poter sperare in un lieto fine dovranno però capire che l’amore non è rinuncia per il bene dell’altro ma è solo e soltanto la condivisione del bello e del brutto che la vita ci riserva.

“L’amore si coltiva, parola dopo parola, una litigata dopo l’altra, con un sorriso, con una carezza. L’amore si fa in due, oppure non è amore.”

Insomma, Dreamers, non voglio dirvi altro ma solo esortarvi a leggere questo libro perché a me sono bastate poche pagine per inserire Alessia D’Ambrosio nella mia personale top ten delle autrici italiane preferite.

Buona lettura.

VOTO:

5

SENSUALITA’:

4

VOTO DANIEL:

corona5

VOTO LUCY:

5

RECENSIONE A CURA DI:

Miky2

EDITING A CURA DI:

Candy2

I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA: USCITE DAL 02 ALL’08 DICEMBRE 2019

USCITE 02-08 DIC.19

Appuntamento fisso  per il nostro BLOG, con I SOGNALIBRI DELLA SETTIMANA, un recap delle uscite Top della settimana che ci accingiamo ad affrontare!!!

Per la Trama e il link di acquisto vi basterà semplicemente cliccare sulla cover!!

Buoni Acquisti e Buona Lettura!!!

02 DICEMBRE 2019

03 DICEMBRE 2019

04 DICEMBRE 2019

05 DICEMBRE 2019

06 DICEMBRE 2019

RECENSIONE: “SE TU FOSSI MIO” DI MELANIE HARLOW (MAN CANDY SERIES #3)

se-tu-fossi-mio-card-reviewles.jpg

TITOLO: SE TU FOSSI MIO

AUTORE: MELANIE HARLOW

SERIE: MAN CANDY #3

EDITORE: NEWTON COMPTON EDITORI

GENERE: CONTEMPORARY ROMANCE

PUBBLICAZIONE: 16 NOVEMBRE 2019

Trama

Theo MacLeod non è l’uomo per me. Anche se è bellissimo e affascinante, non riesco a sopportare la sua arroganza. Il suo ego è uno di quelli che farebbero perdere la pazienza a qualunque donna costretta a frequentarlo. Dopo averlo assunto, pensavo di riuscire a sopportarlo per qualche ora. L’idea di partecipare a un matrimonio esiliata per l’ennesima volta al tavolo dei single, infatti, mi ha fatto prendere la prima di una serie di decisioni sbagliate. Prima ho pagato Theo per fingere di essere il mio fidanzato. Poi l’ho baciato. E quando mi sono accorta dei sussulti del mio cuore, era troppo tardi. Passare una notte con lui è stata la cosa più stupida che abbia mai fatto.

Recensione

Avete presente Fred, alias Theo Woodcook, alias Theo MacLeod? Quell’irresistibile truffaldino dagli occhi color cioccolato? No? Allora care Dreamers, non avete ancora letto “SE TU FOSSI MIO” di Melanie Harlow ed è un vero peccato.

È un peccato perché Theo, oltre ad essere bello, audace, insolente e… un intrattenitore come pochi (saprebbe intrattenervi in qualsiasi modo vi venisse in mente😜), ha anche un cuore enorme e fragile che nasconde e difende saldamente. Forse un po’ troppo saldamente.

Così, quando Claire lo affitta come fidanzato per una cerimonia, anche con lei tira fuori il contratto con la clausola della promessa platonica, perché fin da subito il suo corpo traditore gli fa capire che lei non è la solita cliente. Claire è speciale.

“Ma era un pensiero ridicolo. Le ragazze come Claire i tipi come me non li degnano nemmeno di uno sguardo. E in ogni caso, io troverei comunque il modo di mandare tutto a puttane.

Sapevo chi ero.

Un fallito. Un pregiudicato. Una «minaccia per la sicurezza».

Ed era meglio così.”

E diamo ragione a Theo su questo, perché Claire è davvero una donna bellissima dentro e fuori: il suo aspetto fisico (che cerca di nascondere in ogni modo) fa da cornice ad un carattere dolce, gentile, caritatevole e accomodante. Il rovescio della medaglia è che Claire non sa mentire e questa sua dote innata la mette sempre in mezzo ai guai, per questo si ritrova ad affittare Theo e a fingere che sia il suo fidanzato al matrimonio dell’amica Elyse. Ma il passo dalla finzione alla realtà è breve… riuscirà Claire a scavalcare tutti i muri che Theo ha innalzato negli anni?

“Ma ora, a letto, avvolta nelle sue braccia, accoccolata al suo fianco con la testa sul suo petto, con il battito del suo cuore nelle orecchie, i piedi intrecciati ai suoi e le coperte che ci cullavano con il loro tepore, ero stordita dalla speranza e ubriaca di possibilità.”

Se devo dirla tutta, questo libro sembra diviso in due: una prima parte davvero scoppiettante, dove c’è l’incontro tra i due protagonisti, e una seconda più… drammatica, se così possiamo definirla, in cui i due devono mettersi a nudo per far sì che questo amore decolli.

La prima parte l’ho adorata: Theo è divertente e irritante allo stesso tempo, mostra la sua faccia di bronzo guarnita da un ego enorme e un sorriso strappamutande a cui non si può resistere. Theo appare decisamente sicuro di sé e questo crea un netto contrasto con Claire, che invece tentenna ad ogni passo. Claire, infatti, mostra una grande insicurezza, almeno finché non incontra Theo e decide di buttarsi come lui stesso le consiglia e, sorprendentemente, questo sconosciuto sembra conoscerla meglio di se stessa, per questo Claire decide di mollare le zavorre e provare a volare.

“Non avevo mai provato una sensazione simile a quella della sua bocca morbida su di me, e nessuna donna mi aveva mai baciato in quel modo – teneramente, lentamente e senza chiedere niente in cambio. Quando le sue labbra si sono posate sulle mie, l’ho avvolta con le braccia, stringendola forte. Non avrei dimenticato il sapore di quel bacio per il resto della mia vita.”

Non una volta si parla di amore, ma c’è e si sente nell’aria, in quell’aria talmente rovente per cui le pagine scottano al solo toccarle. Sì, perché di evidente c’è l’attrazione che provano entrambi e che li porta a buttarsi nell’incertezza di una relazione.

Nella seconda parte, che per fortuna è più breve, c’è un tormentato tira e molla tra i due, soprattutto in Theo che deve decidere se può davvero fidarsi e lasciarsi andare all’amore oppure fuggire come fa sempre. Sarà così coraggioso da seguire lo stesso consiglio che dà a Claire oppure no?

«Per te sono come uno specchio, e uno specchio ti costringe a guardare la verità, anche se tu preferiresti continuare a vivere in una bugia».

Ovviamente vi consiglio di leggere questo libro, non so se avete letto gli altri due della stessa serie, ma vi assicuro che è irrilevante ai fini della storia, l’unica cosa che li accomuna è lo stile dell’autrice, pulito e scorrevole, forse un po’ volgare in alcuni passaggi, ma vi assicuro che lo è nei momenti giusti. A parte questo, non c’è niente di eccessivo in questo libro, nemmeno le descrizioni dei boschi innevati in cui Claire si rifugia o i momenti di passione che i due condividono. Tutto, anche l’alternanza dei punti di vista dei protagonisti, conferisce al libro una fluidità che avvolge il lettore e lo porta a fare il tifo per l’amore tra questi due tipi tanto diversi tra loro, ma così simili nel profondo da non poter continuare divisi dopo essersi incontrati.

«O mio Dio! Marshmallow?» «Marshmallow. Non sono i tuoi preferiti?». Mi ha preso una ciocca di capelli fra le dita. «Tu sei la mia preferita».

Per cui Dreamers, affittate anche voi un fico per una sera e lasciatevi sedurre dalla penna della Harlow, non ve ne pentirete😉

VOTO:

4emezzo

SENSUALITA’:

3emezzo

VOTO THEO:

corona4

VOTO CLAIRE:

4,5

RECENSIONE A CURA DI:

Queen2

EDITING A CURA DI:

Candy2